Passa ai contenuti principali

Lo stile scout

Uno stile di vita, un impegno in cui i ragazzi si mettono in gioco vivendo esperienze profonde a contatto con la realtà: ecco perché essere scout.
«Una precisazione è doverosa: non "si fanno gli scout", ma si è scout. È un vero e proprio stile di vita. I ragazzi e le ragazze che intraprendono lo scoutismo si impegnano, forti della fiducia che sentono riposta in loro dagli adulti educatori, a crescere facendosi artefici consapevoli e responsabili della propria strada. I ragazzi mettono in gioco il proprio onore, vivendo esperienze che sollecitano le domande di senso e aiutano a cercarne le risposte».
C'è un modo per essere Scout, c'è un atteggiamento che coinvolge tutta la vita. È lo «stile».
Ma che cos’è lo stile scout? E’ la conseguenza della scelta di vivere lo spirito e i valori della Legge e della promessa scout nella vita di tutti i giorni. In concreto, si manifesta in una serie di comportamenti esteriori, coerenti con questa scelta e che da essa derivano, che lo Scout assume sia durante le attività scout che al di fuori di esse.  
Esiste uno stile degli Scouts nel fare le cose, nello stare con gli altri, nel vivere in certi luoghi, nello stare insieme in associazione. Il modo di parlare, di vestire, di comportarsi, di relazionarsi con il prossimo. Un linguaggio scurrile e volgare o un abbigliamento trasandato non si addicono certo ad uno scout. E’ lo stesso Baden Powell a sottolineare in più occasioni quanto sia necessario adoperarsi costantemente per correggere i propri difetti, grandi o piccoli che siano. 

É segno di stile aver cura di sè, della propria persona, della propria uniforme (come segno di rispetto per gli altri, per il movimento scout, per se stessi).


"L'uniforme significa che appartenete ormai ad una grande fratellanza, che si estende a tutto il mondo. Un'uniforme perfetta, corretta anche nei particolari, può sembrare cosa di poca importanza; eppure ha il suo valore nello sviluppo di una certa dignità personale, e ha un significato enorme per quanto riguarda la considerazione di cui il Movimento gode presso gli estranei, i quali giudicano da ciò che vedono. Indossare correttamente l'uniforme e l'eleganza di portamento di ogni scout individualmente, costituisce vantaggio al Movimento. Mostra così di essere fiero di sé e del suo Reparto. Al contrario, uno Scout sciamannone e vestito trascuratamente avvilisce l'intero Movimento agli occhi del pubblico. Un tipo simile si dà subito a conoscere per uno che non ha afferrato il vero spirito scout e che non è fiero di appartenere alla nostra grande fraternità Perciò spero che tutti voi ragazzi vi ricorderete di questo e giocherete secondo le regole del gioco portando correttamente la vostra uniforme". B.P.


«Nel Patto associativo degli Scout si trovano il legame che esprime le scelte fatte dai capi e dagli Assistenti ecclesiastici, l’identità, le speranze, l’impegno che tutti condividono. In particolar modo, gli scout sono contro tutte le forme di violenza, palesi ed occulte, di discriminazione, di marginalità e sfruttamento; in favore della cultura della legalità e del rispetto delle regole della democrazia, della cultura della responsabilità verso la natura e l'ambiente e dell'equa ridistribuzione delle risorse».

Stile, quindi, è anche un certo modo di presentarsi, di accogliere, di muoversi; diffondere serenità e gioia, e soprattutto è Stile la capacità di scegliere, tra due soluzioni, quella più rispettosa degli altri o dell'ambiente, anche se costa di più e il saper pagare di persona le proprie scelte, anche e soprattutto nelle piccole cose.

Fonte:
http://www.roccasecca1.it/it/la-nostra-storia/2-uncategorised/31-stile-scout.html

Commenti

Post popolari in questo blog

L'ulivo e l'olio nella Bibbia

L'ulivo è importante per le religioni nate nei territori bagnati dal Mar Mediterraneo. Queste religioni sono: Ebraismo, Cristianesimo e Islamismo
E' sicuro che la coltivazione dell'ulivo risale a circa 6000 anni fa, ne troviamo notizia su molti libri antichissimi come la Bibbia. Per alcuni popoli antichi l'ulivo era simbolo di ricchezza, di vittoria nelle guerre, di prosperità, rinascita..., quando poi nacquero le religioni suddette, l'ulivo divenne simbolo di pace e dell'amore di Dio.

Antico Testamento Nel libro della Genesi troviamo la storia del Diluvio Universale e dell'opera di salvezza di Dio con l'aiuto di Noè e della sua Arca. 
La seconda colomba mandata fuori dall' arca da Noè tornò con un rametto di ulivo come segno della fine del diluvio e della pace ristabilita tra Dio e l'Umanità ( Genesi 6,5 - 22- 7,1-24-8,1-22).  (Genesi 8,21; 9,11).
Anche i profeti parlano dell'ulivo e lo descrivono come un dono generoso dell'amore di Dio ( A…

Hakuna Matata

Hakuna Matata, senza pensieri. Una locuzione in swahili, di uso estremamente comune in molte regioni dell'Africa centro-orientale e molto conosciuta in occidente grazie al film Disney "Il Re Leone". In una celebre scena, un suricato e un facoceroTimon e Pumbaa, insegnano al protagonistaSimba la filosofia dell'hakuna matata: dimenticare i problemi del passato e concentrarsi con ottimismo sul presente. Tale filosofia era stata precedentemente insegnata a Timon dal babbuinoRafiki.

Bello, anzi bellissimo l'insegnamento di Timon perché tutto sarebbe più semplice. Però è anche vero che se fosse così saremmo come dei computer formattabili alla prima occasione. Invece la vera essenza della locuzione é quella che ne dà il babbuino Rafiki. É proprio lui che svela a Simba il vero significato di "Hakuna Matata". Rafiki da due soluzioni diverse tra loro: dal passato puoi scappare oppure cercare di imparare qualcosa. Certo la strada più semplice è la prima, ma esser…

La situazione sociale della donna al tempo di Gesù

La società ebraica aveva una struttura patriarcale: l’uomo era signore e padrone della casa.
Sotto l’aspetto giuridico la donna aveva molteplici svantaggi. Come in genere nell'Oriente antico, essa non poteva: A) partecipare alla vita pubblica; B) avere parte attiva al culto C) essere citata come testimone in tribunale.
Al Tempio le donne non potevano oltrepassare l'atrio loro riservato. Quando, poi, usciva di casa doveva avere il viso coperto da un'acconciatura che comprendeva: A) due veli sul capo; B) una benda sulla fronte con due fasce sospese fino al mento; C) un filetto con cordoncini e nodi.
La donna che usciva di casa con il volto scoperto (cioè senza l'acconciatura) poteva essere ripudiata dal marito senza l'obbligo di versare la somma che, in caso di divorzio, era dovuta alla sposa in virtù del contratto matrimoniale. Come si può vedere da ciò il divorzio, nella Palestina del I sec. d.C., era praticato con molta facilità dagli uomini (e solo da esse); per le donne i…