Passa ai contenuti principali

NUOVA RUBRICA: CONSIGLI PER UNA BUONA LETTURA

Miei carissimi studenti,
da oggi e per le prossime settimane inserirò la recenzione di un buon libro da leggere. Voi sapete bene quanto io nelle mie lezioni faccia continui richiami alla lettura di libri, i-book ecc.. perchè come vi ho già spiegato più volte un libro riesce a farvi crescere culturalmente e non solo, con un libro potrete pure volare verso luoghi e tempi lontani, potrete tornare indietro nel tempo, scoprire cose nuove e perchè no emozionarvi!
Questa settimana il libro che vi consiglio è: Il libro segreto di Gesù. I codici nascosti della resurrezione di Simone Venturini.
Quante volte ci siamo chiesti se la resurrezione di Gesù sia un fenomeno che può in qualche modo essere provato, così come si documenterebbe qualsiasi altro fenomeno storico?
Storici e biografi dell’antichità da sempre si sono interessati della vita di un personaggio illustre. La morte segna, infatti, il termine assoluto di un’esistenza umana pur illustre che sia. Eppure le domande che più inquietano uomini e donne riguardano ciò che accadrà dopo che saremo morti. Finirà tutto dentro la tomba?
Anche la vicenda di uno personaggi storici più importanti sembrò concludersi dentro la tomba, nel tardo pomeriggio di venerdì 7 aprile del 30. Così per esempio riferisce Giuseppe Flavio, lo storico ufficiale dei giudei. Così dicono anche i vangeli, in cui tuttavia si narra che colui che era stato crocifisso era anche tornato in vita!
Stranamente, però, i vangeli omettono di raccontare ciò che più interessa: cosa accadde dentro la tomba nei giorni che precedettero domenica 9 aprile del 30, allorché alcune donne e discepoli trovano la tomba vuota. Il corpo fu trafugato? Oppure Gesù si rianimò e trovò la forza di uscire? Oppure, esiste una terza ipotesi?
Dopo aver escluso le prime due, il libro segreto di Gesù si concentra sulla terza ipotesi che diventa oggetto di una vera e propria indagine investigativa in cui vengono valutati indizi di diversa natura – antichi papiri, reperti archeologici, ricerche scientifiche – al fine di dissipare almeno un po’ le fitte tenebre che avvolgono il mistero che persiste da duemila anni.
La morte di Gesù non è la fine di tutto, ma l’inizio di un viaggio oltre i confini della morte. Un viaggio che non avrebbe fatto da solo, ma in compagnia di uno dei due uomini crocifissi con lui.
Un’investigazione che, per sua natura, deve far ricorso ad un particolarissimo supplemento d’indagine che permetta di far luce su ciò che fino qualche decennio fa era solo oggetto delle speculazione astratte dei teologi: il nostro destino post-mortem in relazione alla vicenda del “buon ladrone” e sulla base delle più recenti ricerche scientifiche.
Vi auguro buona lettura!!
Buon fine settimana il vostro prof.

Commenti

Post popolari in questo blog

L'ulivo e l'olio nella Bibbia

L'ulivo è importante per le religioni nate nei territori bagnati dal Mar Mediterraneo. Queste religioni sono: Ebraismo, Cristianesimo e Islamismo
E' sicuro che la coltivazione dell'ulivo risale a circa 6000 anni fa, ne troviamo notizia su molti libri antichissimi come la Bibbia. Per alcuni popoli antichi l'ulivo era simbolo di ricchezza, di vittoria nelle guerre, di prosperità, rinascita..., quando poi nacquero le religioni suddette, l'ulivo divenne simbolo di pace e dell'amore di Dio.

Antico Testamento Nel libro della Genesi troviamo la storia del Diluvio Universale e dell'opera di salvezza di Dio con l'aiuto di Noè e della sua Arca. 
La seconda colomba mandata fuori dall' arca da Noè tornò con un rametto di ulivo come segno della fine del diluvio e della pace ristabilita tra Dio e l'Umanità ( Genesi 6,5 - 22- 7,1-24-8,1-22).  (Genesi 8,21; 9,11).
Anche i profeti parlano dell'ulivo e lo descrivono come un dono generoso dell'amore di Dio ( A…

Hakuna Matata

Hakuna Matata, senza pensieri. Una locuzione in swahili, di uso estremamente comune in molte regioni dell'Africa centro-orientale e molto conosciuta in occidente grazie al film Disney "Il Re Leone". In una celebre scena, un suricato e un facoceroTimon e Pumbaa, insegnano al protagonistaSimba la filosofia dell'hakuna matata: dimenticare i problemi del passato e concentrarsi con ottimismo sul presente. Tale filosofia era stata precedentemente insegnata a Timon dal babbuinoRafiki.

Bello, anzi bellissimo l'insegnamento di Timon perché tutto sarebbe più semplice. Però è anche vero che se fosse così saremmo come dei computer formattabili alla prima occasione. Invece la vera essenza della locuzione é quella che ne dà il babbuino Rafiki. É proprio lui che svela a Simba il vero significato di "Hakuna Matata". Rafiki da due soluzioni diverse tra loro: dal passato puoi scappare oppure cercare di imparare qualcosa. Certo la strada più semplice è la prima, ma esser…

La situazione sociale della donna al tempo di Gesù

La società ebraica aveva una struttura patriarcale: l’uomo era signore e padrone della casa.
Sotto l’aspetto giuridico la donna aveva molteplici svantaggi. Come in genere nell'Oriente antico, essa non poteva: A) partecipare alla vita pubblica; B) avere parte attiva al culto C) essere citata come testimone in tribunale.
Al Tempio le donne non potevano oltrepassare l'atrio loro riservato. Quando, poi, usciva di casa doveva avere il viso coperto da un'acconciatura che comprendeva: A) due veli sul capo; B) una benda sulla fronte con due fasce sospese fino al mento; C) un filetto con cordoncini e nodi.
La donna che usciva di casa con il volto scoperto (cioè senza l'acconciatura) poteva essere ripudiata dal marito senza l'obbligo di versare la somma che, in caso di divorzio, era dovuta alla sposa in virtù del contratto matrimoniale. Come si può vedere da ciò il divorzio, nella Palestina del I sec. d.C., era praticato con molta facilità dagli uomini (e solo da esse); per le donne i…