domenica 29 maggio 2016

Sconfitte educative...

Vedo e sento di miei ex studenti che si accontentano di vivere le vite degli altri, di non aspirare a sogni grandi e duraturi, ma accontentarsi di vivere attimi di felicità momentanei ed effimeri. A scadenza.


Come se il domani non ci fosse, come se la vita fosse una continua gara a chi butta via per primo la propria esistenza. Ci provo a trovare delle motivazioni, ma non lo capisco. O forse non voglio capire che per loro lasciarsi anestetizzare di fronte alle insidie della vita é più comodo. La strada più semplice. Sono queste le vere sconfitte educative.

Nessun commento:

Posta un commento