A cena con un libro

Leggere aiuta a crescere, arricchisce, appassiona, alimenta la fantasia e la creatività. Leggere aiuta l'essere umano a scoprire che la propria ricchezza sta nella libertà insita nel suo cuore e perché ha il potere di farlo entrare nella narrazione e riscriverla a proprio piacimento, liberamente.

In un tempo in cui si assiste, purtroppo, alla crescente perdita di valore del libro e alla disaffezione diffusa alla lettura ("Nel 2014, oltre 23 milioni 750 mila persone di 6 anni e più dichiarano di aver letto almeno un libro nei 12 mesi precedenti l'intervista, per motivi non strettamente scolastici o professionali. Rispetto al 2013, la quota di lettori di libri è scesa dal 43% al 41,4%." Fonte: istat.it) la scuola rappresenta il luogo privilegiato e speciale per promuovere percorsi e strategie che aiutino gli studenti e le famiglie a riscoprire la curiosità e amore per il libro; nonché a far emergere il bisogno e il piacere della lettura. 



Ci sono tanti modi per avvicinare i ragazzi ai libri e visto che il tempo a mia disposizione è molto poco e loro sono tanti ho pensato di usare lo strumento più utilizzato dagli adolescenti: Internet. Nel cyberspazio, infatti, gli studenti passano tantissimo tempo (studio, svago, ecc...) e la stragrande maggioranza delle volte le emozioni, i sentimenti, le esperienze affettivo-relazionali e sociali che vivono sono legate ai video dei cosiddetti "YouTuber", ai like su Facebook, Instagram e a ogni social network possibile ed immaginabile.


Non voglio diventare uno YouTuber, non mi interessa (ho già un lavoro che mi piace e amo moltissimo). Vorrei solo aiutare i ragazzi ad avvicinarsi ai libri per condurli verso quegli spazi di libertà che solo la lettura di un buon libro sa trasmettere. Ad una lettura spontanea e divertente. Una lettura che apra all’arricchimento del loro pensiero e allo sviluppo delle potenzialità espressive che molti hanno e che a volte rimangono inespresse.

A cena con un libro quindi vuole essere una "Promozione ed educazione alla lettura". Niente di più. Una promozione che sproni gli studenti a comprendere che, come afferma il presidente della repubblica, la lettura é “una chiave per diventare cittadini del mondo, per conoscere esperienze lontane, per comprendere le contraddizioni e le storture, ma anche per comprendere le grandi potenzialità del mondo che ci circonda, dell’umanità che ci circonda. E’ un modo per far nascere speranze, per coltivarle, per condividerle”.
Prof.RH Plus

Commenti

Post più popolari