Passa ai contenuti principali

Eppure é gioia...

"Incipit Vita Nova". La campanella é suonata anche quest'anno e con essa é cominciato un nuovo capitolo di questa storia straordinaria!!
Durante l'estate, una mattina, all'improvviso mentre facevo jogging sulla spiaggia deserta, con i gabbiani che planavano su un mare magnificamente calmo da sembrare uscito dal quadro di un pittore, all'improvviso una melodia generata dalla riproduzione casuale del mio Ipod mi da come una scarica elettrica. Non so come spiegarlo meglio, ma é successo così, infatti come capita spesso negli eventi della nostra vita leghiamo a persone, luoghi, eventi ed emozioni una melodia, un immagine o una canzone.
Quella mattina per me fu lo stesso, sentendo quelle note musicali la prima immagine che mi é venuta in mente é stata quella dei miei studenti!! Le parole successive poi confermavano tutto: "Sognare di volare e avere sempre il bisogno, di nuove sensazioni per cancellare un ricordo. E non esiste un cielo, senza stelle se resto ad occhi chiusi ed oltre, oltre le nuvole guardo". É vero i miei studenti, come tutti gli adolescenti, vivono in questa continua tensione tra il sogno di volare via lontano da una realtà che spesso li ingabbia e quello di cancellare i ricordi che più li fanno soffrire. Perché anche se noi adulti molte non ce ne accorgiamo, loro, i nostri ragazzi, indossano delle maschere di cera che, davanti a chi é ancora capace di ascoltarli senza sparare sentenze, si sciolgono. E così molte volte ci mostrano cosa sta dietro a quello strato di spacciata sicurezza o a quei visi coperti da una maschera di trucco: la paura di essere fragili e indifesi in un mondo che vuole tutti sempre e comunque belli, cinici e vincenti!
Di conseguenza, come educatore, dovrò riuscire a far comprendere a questi cercatori di infinito, che le loro vite sono uniche e irripetibili. Fatte di una grandezza che si può illuminare solo se comprenderanno che tutto é gioia, solo se riusciranno a pensare che sono vivi, "anche in mezzo al casino". Ma soprattutto che la vita é gioia perché, ogni mattina al loro risveglio vivranno emozioni sempre nuove, diverse e irripetibili anche se condite di qualche incidente di percorso che gli antichi chiamano "esperienza". Se poi riuscirò a far capire loro che li dov'é il loro cuore, la sarà anche il loro tesoro allora potrò veramente dire di essere riuscito nel mio intento. Pertanto, comincia questo meraviglioso viaggio alla scoperta dell'ignoto, partendo da una consapevolezza che Dante con le sue parole tanto antiche quanto attuali, meglio di me certamente esprime: "...Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza!".
Buona strada ragazzi!!!
Buon lavoro colleghi!!!
Prof.RH
#gioia2014

Commenti

Post popolari in questo blog

L'ulivo e l'olio nella Bibbia

L'ulivo è importante per le religioni nate nei territori bagnati dal Mar Mediterraneo. Queste religioni sono: Ebraismo, Cristianesimo e Islamismo
E' sicuro che la coltivazione dell'ulivo risale a circa 6000 anni fa, ne troviamo notizia su molti libri antichissimi come la Bibbia. Per alcuni popoli antichi l'ulivo era simbolo di ricchezza, di vittoria nelle guerre, di prosperità, rinascita..., quando poi nacquero le religioni suddette, l'ulivo divenne simbolo di pace e dell'amore di Dio.

Antico Testamento Nel libro della Genesi troviamo la storia del Diluvio Universale e dell'opera di salvezza di Dio con l'aiuto di Noè e della sua Arca. 
La seconda colomba mandata fuori dall' arca da Noè tornò con un rametto di ulivo come segno della fine del diluvio e della pace ristabilita tra Dio e l'Umanità ( Genesi 6,5 - 22- 7,1-24-8,1-22).  (Genesi 8,21; 9,11).
Anche i profeti parlano dell'ulivo e lo descrivono come un dono generoso dell'amore di Dio ( A…

Hakuna Matata

Hakuna Matata, senza pensieri. Una locuzione in swahili, di uso estremamente comune in molte regioni dell'Africa centro-orientale e molto conosciuta in occidente grazie al film Disney "Il Re Leone". In una celebre scena, un suricato e un facoceroTimon e Pumbaa, insegnano al protagonistaSimba la filosofia dell'hakuna matata: dimenticare i problemi del passato e concentrarsi con ottimismo sul presente. Tale filosofia era stata precedentemente insegnata a Timon dal babbuinoRafiki.

Bello, anzi bellissimo l'insegnamento di Timon perché tutto sarebbe più semplice. Però è anche vero che se fosse così saremmo come dei computer formattabili alla prima occasione. Invece la vera essenza della locuzione é quella che ne dà il babbuino Rafiki. É proprio lui che svela a Simba il vero significato di "Hakuna Matata". Rafiki da due soluzioni diverse tra loro: dal passato puoi scappare oppure cercare di imparare qualcosa. Certo la strada più semplice è la prima, ma esser…

La situazione sociale della donna al tempo di Gesù

La società ebraica aveva una struttura patriarcale: l’uomo era signore e padrone della casa.
Sotto l’aspetto giuridico la donna aveva molteplici svantaggi. Come in genere nell'Oriente antico, essa non poteva: A) partecipare alla vita pubblica; B) avere parte attiva al culto C) essere citata come testimone in tribunale.
Al Tempio le donne non potevano oltrepassare l'atrio loro riservato. Quando, poi, usciva di casa doveva avere il viso coperto da un'acconciatura che comprendeva: A) due veli sul capo; B) una benda sulla fronte con due fasce sospese fino al mento; C) un filetto con cordoncini e nodi.
La donna che usciva di casa con il volto scoperto (cioè senza l'acconciatura) poteva essere ripudiata dal marito senza l'obbligo di versare la somma che, in caso di divorzio, era dovuta alla sposa in virtù del contratto matrimoniale. Come si può vedere da ciò il divorzio, nella Palestina del I sec. d.C., era praticato con molta facilità dagli uomini (e solo da esse); per le donne i…